• HOME
  • LO STUDIO
  • AREE DI ATTIVITA'
  • NEWS
  • NOTE LEGALI
  • Visualizza il profilo di Luigi Nisticò su LinkedIn
    Data: 13/04/2018
    Titolo: Azione di responsabilità promossa dal curatore fallimentare e liquidazione equitativa del danno

    Nell'azione di responsabilità promossa dal curatore a norma dell'art. 146, comma 2, l.fall., il giudice può ricorrere alla liquidazione equitativa del danno, nella misura corrispondente alla differenza tra il passivo accertato e l'attivo liquidato in sede fallimentare, qualora il ricorso a tale parametro si palesi, in ragione delle circostanze del caso concreto, logicamente plausibile, in quanto l'attore abbia allegato inadempimenti dell'amministratore - nella specie consistiti nella cessione a sé stesso, a prezzo vile, di rami d'azienda e nella pluriennale mancata tenuta delle scritture contabili - astrattamente idonei a porsi quali cause del danno lamentato, indicando le ragioni che gli hanno impedito l'accertamento degli specifici effetti dannosi concretamente riconducibili alla condotta dell'amministratore medesimo (Cass. civ. Sez. I, Sent., 01-02-2018, n. 2500 pubblicata sul sito http://news.ilcaso.it)